blog di luciano

Tanto per capire

La riunione del Consiglio Valle dello scorso 15 settembreEccoli i "Torquemada", che urlano dai loro comunicati stampa di fronte alla scelta del Consiglio Valle di chiedere alla Consulta quali siano i limiti dei poteri della Corte dei Conti rispetto al lavoro politico-amministrativo.
Capisco che è facile spacciare la decisione come l'ennesimo scempio della "Casta", la triste definizione inventata dalla allora coppia Rizzo-Stella nel celebre libro del 2007. Personalmente ritengo che la vicenda della condanna sul finanziamento al Casinò di Saint-Vincent c'entri come occasione e non sia il centro del problema.
Si tratta, invece, di capire bene, a tutela della democrazia rappresentativa, se esistano confini certi rispetto alla discrezionalità di chiunque di dire: «non dovevi fare così, caro politico, ma dovevi fare in altro modo, perché così io la penso. Dunque, paghi».

L'assillo fotografico

Rullini fotografici, ormai d'antanOggi, quando scorri i giornali o guardi i siti informativi, riguardo a qualunque notizia di cronaca nera spuntano le foto più varie, postate sui "social" dai diversi protagonisti della vicenda. Quando ero un giovane cronista, le foto bisognava cercarle, o presso le Forze dell'ordine ed in genere erano foto tessere tratte dai documenti d'identità, oppure chiedere ai familiari e non era sempre facile in certi casi drammatici. In piena emotività e spesso affrontando il dolore dovevi fare il tuo lavoro e chiedere con reazioni molto diverse gli uni dagli altri.
Ormai, invece, basta cercare un profilo "Facebook" o "Instagram" per ricostruire, anche in immagini, una vita. Quasi sempre - pensiamo ai femminicidi - sono immagini gioiose, spesso "costruite" nella logica di piacere, e restituiscono un'immagine un po' falsata, cartonata, che cozza nettamente con certi fatti di sangue. Idem per certi assassini, che in molti casi si atteggiano a bulli, a duri e di cui diventa facile cogliere certi segnali di predisposizione alle violenze poi compiute.

Quella irrazionalità che colpisce

Manifestanti 'no-vax' nel centro di AostaLa scuola si trova a subire le azioni ostruzionistiche di coloro che sono contrari al "green pass", forse non consci che l'ormai decisa larga estensione del suo uso giustamente decisa dal Governo Draghi non lascia spazio.
Fa abbastanza sorridere, per altro, che molti di questi protestatari e talvolta anche chi li supporta, giurino di non essere "no-vax", ma che invece non si fidano del vaccino, snocciolando le stesse cose trite e ritrite, ormai venute a noia. Comincio ad apprezzare chi dice chiaro e forte di essere antivaccinista, piuttosto che la schiera di quelli che lo sono di fatto, ma fanno mille distinguo, arrampicandosi sugli specchi. Io sono per "il pane al pane e il vino al vino" ed incominciano a stufarmi anche i colleghi in politica che, a seconda dei casi, sono pro o contro i vaccini per non perdere voti con il gesto di schierarsi. Un ponziopilatismo davvero penoso.

Il cibo del passato

Renzo all'osteria della Luna piena, in una stampa del 1840'Mi ha sempre incuriosito riflettere su che cosa si mangiasse nel passato. Ci sono pubblicazioni interessanti che fanno leva sulla messe di documenti vari che mostrano uno spaccato dei gusti alimentari, che erano certo molto legati al territorio in un mondo - è lo era anche la Valle d'Aosta - prevalentemente rurale e localistico.
Penso sempre agli alimentare che emergono dalle lunette del castello di Issogne squarci di vita quotidiana dell'epoca del tardo Medioevo con la bottega del sarto, la farmacia, la macelleria, il Corpo di guardia, il mercato di frutta e verdura, la bottega del fornaio, dello speziale, del pizzicagnolo. Spunta anche l'antesignana della "Fontina"!
Siamo ovviamente prima dell'arrivo di prodotti dalle Americhe che impatteranno anche sulla cucina alpina, come mais, patate, pomodoro e cioccolato.

Aprono le scuole

Il ritorno a scuola ad Aosta'Oggi si apre l'anno scolastico. Sarò a Cogne e ad Aosta. Sono due realtà scelte non a caso.
Cogne è un Comune di montagna con una comunità solida e legata a profonde tradizioni proprie, che soffre, come avviene ormai nel resto della Valle, di un forte calo demografico. La presenza mira a ricordare che non bisogna deflettere e trovare modalità nuove non solo per una ripartenza delle nascite, ma per bloccare l'emorragia ancora presente nelle forme di spopolamento, specie per spostamento nel fondovalle, che si manifestano in altre zone con il rischio crescente di chiusura vera e propria delle scuole per assenza di alunni.
Aosta è il "Cria", con l'istruzione per gli adulti, non solo migranti che scelgono di alfabetizzarsi, ma anche di valdostani più o meno giovani che desiderano completare cicli di studio. Sappiamo bene come esista una necessità di non fermarsi mai nel cammino del proprio miglioramento professionale e lo si vede nella scuola vera e propria e nel vasto campo della formazione.

Cosa fare dei "Promessi Sposi"?

Lo studio dei 'Promessi Sposi'Alzi la mano chi sia sfuggito alla lettura dei "Promessi Sposi" di Alessandro Manzoni. Credo, con franchezza, nessuno. Ci siamo passati tutti in una logica di formazione ancorata nel tempo ed al momento non sradicabile.
Premetto che con il passare degli anni, sciolto dagli obblighi scolastici, mi sono accorto di come i protagonisti manzoniani siano utili come esempi immortali di personaggi che attraversano i secoli e che incontriamo nella nostra quotidianità. In più, la pandemia ha consentito di trarre ispirazione da quel fil rouge nel libro, che fu la "peste manzoniana".
Ebbene, un annetto fa Antonio Gurrado, insegnante e giornalista, in un articolo su "Il Foglio" aveva lanciato una provocazione, che qui cercherò di riassumere per motivi di spazio, attorno al tema così riassunto dallo stesso autore: «Ci sono almeno cinque motivi per cui sarebbe il caso di non imporlo più agli studenti».

L'11 settembre di vent'anni fa

Il memorial del 'World Trade Center'«Il cielo crollava
ed era striato di sangue
Ti ho sentito che mi chiamavi
Poi sei scomparso nella polvere»
.
(Bruce Springsteen)

Nel pomeriggio dell'11 settembre di venti anni fa ero nel mio ufficio al Parlamento europeo a Bruxelles. Ad essere onesto non ricordo chi mi avvertì di quanto stesse avvenendo. Ma la prima cosa che feci - non c'era Internet imperante - fu di accendere la televisione.
Con il mio assistente parlamentate, Davide Donati, guardammo la diretta della "Cnn", inorriditi dal susseguirsi degli avvenimenti delle "Torri Gemelle", mentre attorno a noi il palazzo si vuotava per un'ondata di panico per la notizia - che giudicammo ridicola - che anche la sede del Parlamento europeo potesse essere oggetto di un attentato dal cielo. Furono ore terribili fatte di rabbia e paura, di dolore e di sgomento. Rimanemmo inchiodati nel seguire il susseguirsi di una cronaca dell'orrore.

In crociera…

Io con Alexis durante la crocieraLo scrivo con grande rispetto per chi ama il genere e senza nessuna presunzione. Confesso semmai che la ragione per la quale non avevo mai fatto una crociera in vita mia stava nel fatto che non mi convinceva. Intendiamoci: amo il mare e l'ho percorso spesso in barca e non soffro di mal di mare. Ma queste navi gigantesche le guardavo con sospetto.
Dopo aver fatto la prima crociera, confermo che ci avevo preso, anche se - bisogna essere onesti - può darsi che le norme anti-covid abbiamo peggiorato il quadro. Per il resto - come dire? - mi sono fantozzianamente trovato a disagio su questa nave che mi doveva portare da Venezia, attraverso le isole greche, sino a Bari e ritorno.

Una madre che scrive

Il 'tweet' di Zita DazziIl virus è il male. L'altro giorno ero in una chiesetta e c'era una bella vetrata colorata, che riassumeva l'immagine perfetta: San Giorgio che sconfigge il drago.
Ecco perché - non cadendo nel rischio di scontri personali con Tizio o con Caio e non rispondendo agli insulti dei "no-vax" - tiro dritto sulla sostanza delle cose. Bisogna, infatti, convincere i riottosi e perseguire chi propaga notizie false sui vaccini o incita alla ribellione alle leggi in materia di pandemia.
Zita Dazzi, giornalista di "Repubblica", è stata insolentita dagli anti-vaccinisti per aver messo sui "social" una storia riguardante il figlio malato, che si accompagnava ad evidenti tesi pro vaccino. Così sul suo giornale ha deciso di scrivere una lettera, intensa e persino commovente, che pubblico di seguito, perché la condivido.

Olimpia e la fiaccola

Il 'Philippeion' di OlimpiaIl caso vuole che nell'anno delle Olimpiadi giapponesi, rese complicate dalla pandemia, sia per i controlli severi che per l'assenza di pubblico che seguisse dal vivo le gare, mi sia ritrovato in visita ad Olimpia. Ed è stata una bella esperienza, che mi ha anche illuminato (verbo usato non a caso!) su un particolare storico di cui non avevo mai avuto sino ad oggi notizia. Ma ci arriverò.
Mi riferisco, intanto, alla culla storica dei Giochi, che si trovava nella Regione dell'Elide, lungo la costa occidentale del Peloponneso. E' interessante visitare l'attuale sito archeologico, oggetto di predazione, distruzioni volute e terremoti, che si trova non a caso in una zona pianeggiante, abbondante di acque e dunque molto verdeggiante. Un luogo sacro, venerato da tutti i greci, che aveva nelle gare un momento di comunione per la Grecia antica, che comprendeva anche la tregua olimpica, che interrompeva per pochi giorni ogni quattro anni la proverbiale litigiosità fra le diverse Città-Stato.

Condividi contenuti

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri