Io scrivo lo stesso

Ogni tanto mi chiedo: sogno o son desto?
Mi capita di sentire dei rimproveri con borbottii da parte di colleghi consiglieri regionali perché scrivo su questo Blog e ci aggiungo Twitter. Diverte quando viene dai banchi di forze politiche che tracimano sui "social" e se la pigliano con me che non ho strutture pagate per farlo.
Tutta farina del mio sacco: non ho bisogno di scribacchìni a pagamento.
Credo, invece, che sia naturale, nel senso che lo faccio da moltissimi anni, di scrivere sui "social". L'ho fatto sia in politica, prima sulla carta stampata e per radio, e ora sul Web, ma mantenendo viva la presenza anche quando lavoravo in "Rai" nel mio lavoro vero, quello di giornalista.
Per cui, poiché è meglio far invidia che pietà, si rassegnino: scrivo come e quando voglio.
Si chiama libertà d'espressione.
Elementare, no?

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri